Etna: divertimento assicurato in ogni stagione

L’Etna, il vulcano più alto d’Europa, offre mille occasioni di divertimento. Qui la noia è bandita e in ogni stagione troverai sempre qualcosa da fare per goderti la tua vacanza nella Sicilia orientale. Se non sai da dove cominciare, ti aiutiamo noi, proponendoti quattro modi diversi per vivere un’esperienza sull’Etna, uno per ogni periodo dell’anno. Non ti resta che decidere quando partire.

Inverno: sciare sul vulcano più alto d’Europa

Durante la stagione fredda l’Etna si ricopre di uno spesso manto di neve, offrendo agli appassionati degli sport invernali la possibilità di fare qualcosa di davvero speciale: sciare sul vulcano più alto d’Europa. Sul versante nord del vulcano, precisamente a Piano Provenzana, si trovano gli impianti di risalita e da qui è possibile anche noleggiare l’attrezzatura sportiva e perché no? Anche rilassarsi al sole o gustare una squisita cioccolata calda dopo il divertimento in pista.

Anche i neofiti potranno provare per la prima volta l’ebbrezza di scivolare sugli sci o salire sullo snowboard. Le scuole di sci, con i loro istruttori esperti e qualificati nelle varie discipline, metteranno la propria esperienza a disposizione di chiunque voglia imparare, offrendo lezioni di ogni livello a bambini e adulti.

Primavera: prova un’escursione sui Crateri Silvestri

Quando il freddo inverno è ormai archiviato e la neve si è sciolta quasi del tutto, è arrivato il momento di dedicarsi alle escursioni e approfittare delle gradevoli temperature primaverili. Le opzioni sono diverse, ma vogliamo proporti un’escursione molto particolare che solo un vulcano sui generis come l’Etna può offrire: una gita sui Crateri Silvestri.

Per raggiungerli devi recarti sul versante sud del vulcano, nei pressi del Rifugio Sapienza. I Crateri Silvestri rappresentano ciò che rimane di due bocche laviche ormai inattive da oltre un secolo. Passeggiando sul Cratere sud potrai godere di una vista meravigliosa: avrai la città di Catania ai tuoi piedi e potrai cogliere i dettagli del paesaggio cittadino, dalle sue spiagge fino all’aeroporto. Il Cratere nord è leggermente più ventoso, infatti si raccomanda la massima prudenza. Da qui si può osservare dall’alto il Cratere sud e i visitatori sopra di esso ti sembreranno piccolissimi, facendoti apprezzare le reali dimensioni di queste voragini.

Estate: un giro in funivia a due passi dal cratere sommitale

Siamo in Sicilia e il sole picchia forte da queste parti, ma sull’Etna non soffrirai mai l’insopportabile calura estiva, perché quassù soffia un venticello molto piacevole. Per l’attività che ti proponiamo durante la stagione più calda dell’anno, rimaniamo ancora sul Rifugio Sapienza e ti facciamo provare l’esperienza di un giro in funivia sul vulcano.

Le moderne telecabine partono da una quota di 1923 metri e in una manciata di minuti ti faranno salire a quota 2500. Da qui potrai esplorare la parte sommitale del vulcano, osservare da vicino il cratere centrale ed ammirare le colate laviche che si sono succedute negli anni, dalle più antiche alle più recenti. Le guide accompagnano i turisti lì dove il vulcano mostra la sua vitalità, ma nel pieno rispetto delle condizioni di sicurezza.

Autunno: fai trekking sul vulcano

I caldi colori dell’autunno sono uno spettacolo da non perdere anche sull’Etna e il modo migliore per apprezzare la bellezza della natura in questa stagione è fare trekking nel Parco dell’Etna. L’area protetta si estende per oltre 59.000 ettari e i percorsi naturalistici che offre il Parco sono estremamente differenziati. Esperti camminatori e neofiti troveranno l’itinerario più adatto al loro livello di esperienza nelle escursioni in montagna.

Tra le varie opzioni, ti proponiamo qui un sentiero natura di difficoltà medio-facile, che con un dislivello di circa 200 metri, accontenterà di sicuro esperti e neofiti. Si tratta del Sentiero Italia 724, che dalle case di Pietracannone giunge fino al Rifugio Paternò Castello. Durante i 4 chilometri di percorso, percorribili in circa due ore e mezza, si potranno ammirare le classiche niviere, delle fosse nelle quali si pressava e conservava la neve. Durante l’estate la neve veniva caricata a bordo di muli e portata nei paesi etnei, così che si potesse preparare la classica granita siciliana.

Se l’idea di passeggiare sulle pendici di un vulcano attivo ti spaventa un po’, puoi stare tranquillo! L’Etna è un vulcano buono e le colate laviche che si ripetono periodicamente, si perdono nella Valle del Bove, un’enorme vallata desertica dove la lava non può fare alcun danno, ma al contrario regala uno spettacolo meraviglioso di cui puoi godere in tutta sicurezza.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *